società > Storia
Storia


 
Pochi, i ricordi di quel lontano periodo, con la società che si sciolse quasi subito, alla vigilia della Grande Guerra. Alla cessazione delle ostilità l’Associazione Calcio Bassano si iscrive al girone D della 4.a Divisione Veneta, incrociando anche lo Schio ed il Thiene e nel 1924 vince il raggruppamento, venendo poi eliminato agli spareggi dall’Oderzo. L’anno dopo va meglio perché, nonostante il ko in finale col Portogruaro (bestia nera anche parecchi decenni dopo), viene ripescato in Terza Divisione
 
Nel 1928 un ulteriore salto in Seconda Divisione Nord, dopo il quarto posto finale e quattro stagioni più tardi si scala ancora: Bassano primo nel girone E ed è Prima Divisione, anche se per problemi finanziari si rinuncia alla trasferta per le finali regionali
 
Nel 1934/5 c’è una ristrutturazione dei campionati dilettantistici, ma la categoria è salva. Muta però il nome: in linea coi tempi il podestà locale impone il nome di Associazione Sportiva Fascista Bassano
 
Nel 1940/1, in pieno conflitto mondiale, l’Associazione Fascista Calcio Bassano arriva secondo alle finali regionali di Prima Divisione Veneta e sbarca per la prima volta in serie C. Tornato A.C. Bassano alla fine della guerra, resta in C fino al 1947/8, quando scivola in Promozione. Bisogna attendere il 1954 per festeggiare, dopo un’ulteriore ristrutturazione dei tornei: primo posto e promozione in IV serie. Gloria effimera perché, alla soglia degli anni ’60 c’è l’inferno della Prima Categoria, dove il Bassano (ora coi colori giallorossi) resta fino al 1969/70. Nel frattempo c’è la fusione con l’A.C Bassano Virus e la nuova denominazione diventa Associazione Calcio Bassano Virtus. In serie D la nuova realtà resta sei anni, per poi retrocedere di nuovo in Prima Categoria
 
L’anno della svolta definitiva è il 1978/9 col ritorno in Promozione ed una serie di campionati di vertice, fino ad arrivare primo nel 1982/3, recuperando la dimensione Interregionale
 
Nel 1985/6 il Bassano Virtus arriva di nuovo alle soglie della C: vince il girone C e poi supera il Paluani Chievo nello spareggio (4/2 dopo i rigori), ma è gioia effimera perché la Federazione ravvisa un illecito sportivo e revoca la promozione. Uno choc durissimo da smaltire, tanto che, dopo dieci campionati consecutivi tra i dilettanti (miglior piazzamento un terzo posto nel 1993/4), c’è il capitombolo in Eccellenza. La società cambia di nuovo il nome in Bassano Virtus 55 Soccer Team: inizia infatti l’era Diesel, con l’ingresso nella proprietà del re del casual, Renzo Rosso. L’anno dopo è subito Grande Slam: tricolore di categoria e promozione nel C.N. Dilettanti, diventata nuovo serie D: i progetti diventano ambiziosi e, dopo una serie di discreti piazzamenti, il terzo millennio porta finalmente l’auspicato salto di qualità.
 
Nel 1998/9 si mette in luce pure il settore giovanile, che diverrà uno dei vanti della società giallorosa e tra i migliori vivai italiani: i Giovanissimi vincono lo scudetto!
 
Nel 2004/5 altro Grande Slam: dopo un inizio stagione difficile, col cambio in panchina tra Dal Bianco e Sandri, il Bassano decolla e stravince il campionato. Non pago batte il Marcianise (3/2) e vince anche il tricolore dilettanti.
 
Queste le tappe principali del palmarès giallorosso:
 
1920 - Nasce l'Associazione Calcio Bassano.
1923-24 - 1° nel girone D della Quarta Divisione Veneta.
1924-25 - 1° nel girone D della Quarta Divisione Veneta: Promosso in Terza Divisione.
1925-26 - 5° nel girone A della Terza Divisione Veneta.
1926-27 - 3° nel girone A della Terza Divisione Veneta.
1927-28 - 1° nel girone C della Terza Divisione Veneta, va alle finali per la promozione in Seconda Divisione. 4° nel girone D delle finali, è promosso in Seconda Divisione Nord.
1928-29 - 7° nel girone D della Seconda Divisione Nord.
1929-30 - 6° nel girone D della Seconda Divisione Nord.
1930 - La Seconda Divisione viene declassata a massimo livello regionale.
1930-31 - 3° nel girone unico della Seconda Divisione Veneta.
1931-32 - 3° nel girone unico della Seconda Divisione Veneta.
1932-33 - 1° nel girone A della Seconda Divisione Veneta, è ammesso alle finali regionali ma rinuncia a disputarle. 1° nel girone E delle finali della Seconda Divisione, è promosso in Prima Divisione.
1933-34 - 14° nel girone A della Prima Divisione. Retrocede in Seconda Divisione. Riammesso alla compilazione dei quadri 1934-35.
1934-35 - 11° nel girone A della Prima Divisione. Retrocede in Prima Divisione Regionale causa ristrutturazione dei campionati. Cambia denominazione in Associazione Sportiva Fascista Bassano.
1935 - Si iscrive al campionato regionale di Prima Divisione Veneta ma si ritira prima della prima giornata. I ragazzi del Bassano disputano i campionati giovanili provinciali. Riorganizzata la prima squadra si iscrive alla stessa categoria la stagione successiva.
1936-37 - 9° nel girone unico della Prima Divisione Veneta.
1937 - Non si iscrive la stagione successiva, inattivo.
1940 - Ricostituito con la nuova denominazione Associazione Fascista Calcio Bassano.
1940-41 - 5° nel girone A della Prima Divisione Veneta, ammesso al girone di finale. 2° in finale, è promosso in Serie C.
1941-42 - 11° nel girone A della Serie C.
1942-43 - 6° nel girone B della Serie C.
1943-44 - 4° nel girone A del Campionato Misto di Guerra gestito dal Direttorio III Zona (Veneto).
1944-45 - Inattivo a causa della guerra in atto.
1945 - Ricostituito con la nuova denominazione Associazione Calcio Bassano.
1945-46 - 9° nel girone B della Serie C (Alta Italia).
1946-47 - 7° nel girone H della Serie C (Lega Int.Nord).
1947-48 - 6° nel girone H della Serie C (Lega Int.Nord).
1948-49 - 10° nel girone E della Promozione Interregionale (Lega Int.Nord).
1949-50 - 12° nel girone B della Promozione Interregionale (Lega Int.Nord).
1950-51 - 11° nel girone B della Promozione Interregionale (Lega Int.Nord).
1951-52 - 14° nel girone B della Promozione Interregionale (Lega Int.Nord). Retrocede in Promozione Regionale causa ristrutturazione dei campionati.
1952-53 - 3° nel girone C della Promozione Veneta.
1960-61 - 1° nel girone B della Prima Categoria Veneta, perde gli spareggi per la promozione in Serie D
1953-54 - 1° girone A della Promozione Veneta. Promosso in IV Serie.
1954-55 - 7° nel girone D della IV Serie.
1955-56 - 13° nel girone D della IV Serie.
1956-57 - 7° nel girone D della IV Serie. Retrocede nella Seconda Serie dell'Interregionale.
1957-58 - 2° nel girone C dell'Interregionale Seconda Serie.
1958-59 - 14° nel girone C della IV Serie. Retrocede in Prima Categoria Regionale, ma è ammesso alla Serie D a completamento organici.
1959-60 - 18° nel girone C della Serie D. Retrocede in Prima Categoria
1961-62 - 2° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1962-63 - 15° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1963-64 - 12° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1964-65 - 6° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1965-66 - 4° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1966-67 - 3° nel girone A della Prima Categoria Veneta.
1967-68 - 4° nel girone A della Prima Categoria Veneta. Si fonde con l'A.C. Virtus di Bassano e diventa A.C. Bassano Virtus.
1968-69 - 2° nel girone B della Prima Categoria Veneta.
1969-70 - 1° nel girone B della Prima Categoria Veneta. Promosso in Serie D.
1970-71 - 14° nel girone C della Serie D.
1971-72 - 8° nel girone C della Serie D.
1972-73 - 7° nel girone C della Serie D.
1973-74 - 14° nel girone C della Serie D.
1974-75 - 9° nel girone C della Serie D.
1975-76 - 16° nel girone C della Serie D. Retrocede in Promozione.
1976-77 - 13° nel girone B della Promozione Veneta.
1977-78 - 15° nel girone B della Promozione Veneta. Retrocede in Prima Categoria.
1978-79 - 1° nel girone B della Prima Categoria Veneta. Promosso in Promozione.
1979-80 - 4° nel girone A della Promozione Veneta.
1980-81 - 12° nel girone A della Promozione Veneta.
1981-82 - 11° nel girone A della Promozione Veneta.
1982-83 - 1° nel girone A della Promozione Veneta. Promosso al Campionato Interregionale.
1983-84 - 7° nel girone C dell'Interregionale.
1984-85 - 3° nel girone C dell'Interregionale.
1985-86 - 1° nel girone C dell'Interregionale, dopo aver vinto lo spareggio-promozione con il Paluani Chievo , promozione revocata per illecito sportivo.
1986-87 - 4° nel girone C dell'Interregionale.
1987-88 - 5° nel girone C dell'Interregionale.
1988-89 - 11° nel girone D dell'Interregionale.
1989-90 - 6° nel girone C dell'Interregionale.
1990-91 - 5° nel girone E dell'Interregionale.
1991-92 - 11° nel girone B dell'Interregionale.
1992-93 - 5° nel girone B del Campionato Nazionale Dilettanti (C.N.D.).
1993-94 - 3° nel girone D del C.N.D.
1994-95 - 10° nel girone D del C.N.D.
1995-96 - 15° nel girone B del C.N.D. Retrocesso in Eccellenza.
1993-94 - 1° nel girone A del'Eccellenza Veneta. Promosso al Campionato Nazionale Dilettanti.
1997-98 - 4° nel girone D del C.N.D.
1998-99 - 3° nel girone C del C.N.D.
1999-00 - 7° nel girone B del C.N.D.
2000-01 - 10° nel girone C della Serie D.
2001-02 - 8° nel girone C della Serie D.
2002-03 - 2° nel girone C della Serie D.
2003-04 - 6° nel girone C della Serie D.
2004-05 - 1° nel girone C della Serie D.
 
Il resto è storia recente:
2005/6 Esordio in C2, salvezza sofferta ma meritata col blitz a Montichiari nell’ultimo turno, 12° posto finale.
 
2006/7 La società sposta in alto gli obiettivi ed arrivano i play-off, restando sempre tra le prime in campionato. Poi però ci si mette la sfortuna, rendendo quasi impraticabile il "Mercante" nello spareggio col Lecco (poi promosso in C1) e non basta un netto dominio con tante palle gol nel match di ritorno.
 
2007/8 Il Bassano fallisce la promozione, ma vince la Coppa Italia di C. Terza stagione consecutiva in C2 ed ottima partenza in campionato: vetta raggiunta dopo 5 giornate e poi mantenuta in solitudine fino alla 23.ma giornata, grazie ad un incredibile filotto di 8 vittorie consecutive! Gli uomini di Ezio Glerean sembrano ad un passo dal sogno, quando hanno 3 punti di vantaggio dalla Reggiana a 4 turni dalla fine, però il finale è amaro e la C1 sfugge nella finale dei play-off col Portogruaro (2-3 e 1-2), con un rigore fallito al "Mercante" che avrebbe potuto cambiare la storia del doppio confronto. In bacheca va però la Coppa di categoria,col Benevento travolto in finale per 5/0.
 
2008/9 Si riparte, quindi, ancora dalla C2, ridenominata Seconda Divisione. Dopo un ottimo precampionato, contraddistinto dalla vittoria a Taranto nella Coppa Italia maggiore, inaspettatamente la stagione inizia tra mille difficoltà. Dopo il ko interno con la Sangiustese, che precipita il Bassano in zona play-out, la società esonera Glerean e lo sostituisce con Giorgio Roselli. Inizia un prodigiosa rimonta, col 4° posto raggiunto all’ultima giornata. Per la terza volta consecutiva però i giallorossi scivolano ai play-off, questa volta contro il Giulianova (1/1 e 0/1), nonostante avesse giocato meglio e costruito tantissime palle gol.
 
2009/10 Il Bassano riparte con Stefano Braghin in qualità di Direttore Generale e Giorgio Roselli in panchina. La squadra non decolla e stenta nelle prime giornate di campionato nonostante l'acquisto di giocatori importanti come La Grotteria, Anaclerio e Zanetti. Il pareggio in casa della Sacilese costa la panchina a Roselli, al quale subentra Massimo Beghetto, allenatore prodotto dal vivaio giallorosso ed ex giocatore, che viene promosso dalla Berretti. Con il nuovo mister la squadra sembra riprendersi ed una serie di risultati utili porta la Virtus a giocarsi l'accesso ai playoff a Carrara, dove però i giallorossi perdono per 2-1. La lieta notizia è però dietro l'angolo ed il 4 agosto viene reso ufficiale il ripescaggio in Prima Divisione, che il Bassano affronterà per la prima volta nella sua storia.
 
2010/11 La stagione 2010/11 vede il tecnico pluridecorato Osvaldo Jaconi sedersi sulla panchina giallorossa. Dopo un inizio difficile la squadra ingrana conquistando la sua prima vittoria in Prima Divisione al Mercante contro il Sorrento grazie ad una doppietta di Raffaele Baido. Memorabili, nel corso della stagione, i due derby con l'Hellas Verona, pareggiati entrambi per 1-1. Il Bassano chiude la stagione all'undicesimo posto e con la seconda miglior difesa del girone.
 
Al termine della stagione 2011/12 la squadra, guidata prima da Jaconi e poi da Brucato, non riesce ad evitare la retrocessione, che viene sancita all'ultimo turno di campionato dopo il pareggio per 3-3 sul campo del Trapani
 
La stagione 2012/13 si apre con l'avvicendamento tra Stefano Braghin e Werner Seeber, che nel ruolo di Direttore Generale, ha il compito di rilanciare il club. Entra a far parte del club anche Renato Schena nel ruolo di Segretario Generale, mentre alla guida della squadra viene ingaggiato mister Claudio Rastelli. Dopo un inizio difficile, la squadra è artefice di una grande rimonta e di lunghi filotti di risultati positivi, come le 7 vittorie ed 1 pareggio in 8 gare. Il Bassano staziona costantemente nelle posizioni di testa e raggiunge i playoff, classificandosi quarto, due punti appena dietro il Savona, promosso direttamente insieme alla Pro Patria. Ai playoff i giallorossi afffrontano il Monza che battono il Bassano per 1-0 al Brianteo e per 2-1 al Mercante.

Nella stagione 2013/2014 avviene la svolta: la squadra guidata da mister Mario Petrone conquista la vittoria del campionato di Seconda Divisione con tre giornate d'anticipo, sancita dal pareggio interno contro il Castiglione. Il Bassano Virtus termina primo con 69 punti totali ottenuti in 34 gare. Affronta così nella Supercoppa di categoria il Messina, vincitore del Girone B, battendolo per 2-0 al Mercante e per 2-1 in trasferta.
Oltre ad essere stata un'annata colma di successi per la società giallorossa, verrà ricordata come un'annata storica anche per l'ingresso di nuovi soci a partire dal marzo 2014, che si affiancheranno alla famiglia Rosso e Masiero, allargandone così la compagine societaria.
 
© Copyright 2009/15 BASSANO VIRTUS 55 SOCCER TEAM SPA P.IVA/C.F. 02555940242 Via Piave, 115/117 36061 Bassano del Grappa (VI)
Registro Imprese di Vicenza n. 02555940242 R.E.A. 239732-VI Capitale Sociale € 390.000 i.v. Group: OTB C.F. 01242510269 - Created by Kreactivfarm